Amazon chiude terzo trimestre di fila in utile record

Amazon, la società guidata da Jeff Bezos (il top manager è tra l’altro stato recentemente in Italia per presentare alcuni maxi investimenti che avranno luogo nel nostro Paese, e principalmente tra Torino e Roma) ha archiviato il terzo trimestre consecutivo con utili record. Il periodo chiusosi al 30 giugno 2016, di fatti, ha registrato un utile netto pari a 857 milioni di dollari, che appaiono essere in decisa crescita rispetto ai 92 milioni di dollari dell’analogo periodo del precedente esercizio.

Il dato dell’utile per azione, al netto delle componenti straordinarie e non ripetibili, si è così attestato a 1,78 dollari, superando in maniera netta le attese di consenso che si fermavano a un valore di 1,11 dollari per azione. Risalendo le righe di conto economico, e arrivando all’apice del documento, rileviamo come sia in crescita a doppia cifra (+31 per cento) anche il fatturato, che si è attestato nel secondo trimestre a 30,4 miliardi di dollari, superando anche in tale fattispecie sia le attese di mercato (che erano pari a 29,5 miliardi di dollari) che quelle della stessa società (che erano invece state stimate all’interno del range compreso tra 28 e 30,5 miliardi di dollari).

Per quanto concerne le principali motivazioni che hanno spinto in maniera così significativa al rialzo il fatturato e i margini di redditività operativa e netta, è intuibile come un forte contributo sia certamente arrivato ancora una volta dalla divisione di cloud computing (la AWS- Amazon Web Services), che ha generato un fatturato di 2,886 miliardi di dollari, rispetto a un fatturato di 1,82 miliardi di dollari che erano invece stato conseguito nel corso dello stesso periodo dell’esercizio precedente. La divisione che si occupa del cloud computing ha ad ogni modo inciso in maniera ancora più decisiva sull’utile operativo, pesando per oltre la metà di quello complessivo.

L’attenzione degli stakeholders si sposta ora al prossimo trimestre, il terzo per la società. Per questo periodo, per il quale sono già note le previsioni ufficiali elaborate dalla società di Jeff Bezos, Amazon stima di conseguire dei ricavi netti che saranno compresi tra 31 e 33,5 miliardi di dollari (con un rialzo proporzionale compreso tra il 22 e il 32 per cento rispetto a pari periodo del 2015), che si raffronta con i 31,63 miliardi di dollari, stimati dal consenso (che si attesta pertanto nella parte bassa della forbice).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *