Come funzionano i prestiti d’onore?

Prestiti

Oggi i giovani hanno sempre più difficoltà a trovare un lavoro. Tra stage non retribuiti, disoccupazione al 40% e, per i più fortunati, lavori precari sotto pagati, le prospettive non sono delle migliori. Una buona opportunità è data dai prestiti d’onore con i quali le istituzioni finanziano l’imprenditoria giovanile offrendo delle particolari agevolazioni a chi decide di avviare un lavoro autonomo o d’impresa.

Tra i vantaggi più evidenti del prestito d’onore c’è quello di non prevedere la fornitura di garanzie. Questo significa che il giovane (o i giovani in caso di impresa) non dovranno fornire le normali garanzie reddituali che richiede la banca per concedere un finanziamento.

Se hai mai provato a richiedere un prestito personale in banca o presso una finanziaria sai di cosa stiamo parlando: redditi che devono essere alti, sicuri e stabili, garanti e età minima. Insomma chiedere un finanziamento per avviare un’impresa alle normali condizioni di mercato è, spesso, davvero impossibile.

Va aggiunto, anche, che i prestiti d’onore prevedono, spesso, una percentuale a fondo perduto, se rientrano nelle agevolazioni europee. Questo significa che una parte del finanziamento viene concesso a titolo di sovvenzione e non deve essere rimborsato. Proviamo a fare un esempio pratico per fugare ogni dubbio che potrebbe sorgere in chi legge.

Facciamo l’esempio di avere i requisiti per accedere ad un prestito d’onore erogato dalla regione Lazio per un importo di 20 mila euro di cui il 30% a fondo perduto. Questo vuol dire che su 20 mila euro che verranno erogati ne dovrò restituire solo 14 mila e su questi o non verrà calcolato alcun interesse o al massimo un interesse agevolato.

Per chi vuole avviare una nuova attività si tratta di una soluzione davvero di grandissima importanza perchè, di fatto, ci permette di ottimizzare i costi dell’avvio dell’impresa e di ricevere sostegno economico nella fase più delicata, ossia quella di avvio. Va anche detto, per contro, che i prestiti d’onore prevedono delle caratteristiche ben precise che, se non rispettate, non possono essere erogati.

Per prima cosa i prestiti d’onore sono dei finanziamenti che vengono vincolati a delle aree imprenditoriali e territoriali ben precise. Tra quelle che vengono solitamente finanziate segnaliamo le start up nel settore tecnologico, agroalimentare e turistico. I territori di interesse sono, generalmente, quelli del sud Italia ma, sempre più spesso, segnaliamo prestiti d’onore anche in altre regioni del nord e centro Italia.

Nel complesso possiamo dire che questo strumento è davvero utile e offre un’opportunità reale per consentire ai giovani di accedere al credito per creare da se un lavoro. Oggi la disoccupazione è imperante e bisogna ridefinire il lavoro su altri canoni rispetto a quanto eravamo abituati in passato, magari partendo proprio da questa tipologia di finanziamenti agevolati.

Fonte articolo: www.prestitisbp.com/prestito-donore/462/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *